Tartare di melone e gamberi rossi

tartare di melone e gamberi rossiEcco a voi la ricetta – non ricetta della tartare di melone e gamberi rossi. Sì perché in realtà è così semplice che non ci sarebbe nemmeno bisogno di una ricetta. Ve la riporto giusto per indicarvi le quantità e qualche dritta, soprattutto sul consumo di pesce a crudo consapevole. 😉

I gamberi rossi sono una specie particolarmente pregiata di gamberi, di cui il nostro Paese vanta numerose eccellenze. Tra i più rinomati troviamo quelli di Mazara del Vallo, provenienti dalla Sicilia, di un rosso corallo intenso, molto polposi e compatti. I gamberi rossi sono spesso consumati crudi e questa ricetta non fa eccezione. Occhio però a rispettare alcune semplici regole che rendono il consumo di pesce crudo sicuro e non dannoso per la salute.

Nello specifico è fondamentale acquistare pesce abbattuto, cioè sottoposto professionalmente ad un processo di abbattimento della temperatura (-20°C per almeno 24 ore), essenziale per eliminare batteri e parassiti che potrebbero annidarsi nell’animale (tra cui il temibile Anisakis). Grazie alle bassissime temperature, eventuali batteri e parassiti vengono completamente eliminati, rendendo il pesce abbattuto sicuro al 100%.

Ingredienti per 1 tartare:

  • 125gr di gamberi rossi sgusciati precedentemente abbattuti
  • 150gr di polpa di melone
  • succo di 1/4 di limone + 1 fettina per guarnire il piatto
  • olio evo, sale, pepe
  • basilico fresco

Preparazione:

Sciacquare bene i gamberi sotto acqua corrente fredda, poi togliere l’intestino incidendo il dorso del gambero con un coltellino e tirando il filetto scuro interno delicatamente, per evitare che si rompa. Con un coltello ben affilato tritare i gamberi a piccoli dadini fino ad ottenere la consistenza di una tartare. Condire con mezzo cucchiaio d’olio, succo di limone, sale e pepe e tenere da parte in frigo nel frattempo che vi occupate del melone.

Tagliare il melone a metà e poi a fette, eliminare i semi e la buccia e tagliare 150gr di polpa (poco più di una fetta) a piccoli dadini.

Comporre la tartare direttamente sul piatto con l’aiuto di un coppapasta (io ne ho utilizzato uno quadrato dal lato di circa 10cm): premere sul fondo i dadini di melone e poi fare un secondo strato con i gamberi, premendo leggermente con il dorso di un cucchiaio. Completare con due foglioline di basilico fresco, sfilare il coppapasta e servire guarnendo il piatto con una fettina di limone tagliata a metà.

FACILE • Preparazione: 10 minuti • Cottura: – • 185 cal/porzione

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *