Crespelle al pesto con fagiolini e patate

crespelle al pesto con fagiolini e patatePaese che vai, crêpe che trovi. Per parlare delle infinite varianti di questa deliziosa ricetta, bisogna risalire alla Francia del 1895, dove è nata l’iconica crêpe Suzette. Prese il nome da Suzette, ospite del Principe di Galles al Café de Paris di Monaco: visto che la capricciosa ospite desiderava un dessert originale, in un momento di ispirazione misto a disperazione, il giovane Henri Charpentier, apprendista del noto chef Auguste Escoffier, gettò succo d’arancia e brandy su una crêpe e la servì dando fuoco al tutto. Temperamento francese, che regalò alla cucina una prelibatezza indimenticabile. Sul nome vi è ancora  qualche discordia, ma pare che crêpe sia il nome della versione dolce, mentre il nome della versione salata sia galette.

Le crêpe francesi però vantano cugine in ogni parte del mondo, con cui hanno in comune la semplicità di un impasto a base di farina, che cambia a seconda di tradizioni e disponibilità, uova e latte. Grano saraceno per la galette tradizionale bretone, frumento per la crespella italiana. Si lasciano farcire con ogni succulento ripieno e la ricetta è semplicissima. L’importante è ricordarsi di far riposare la pastella, in questo modo la farina rilascia l’amido, facendo in modo che poi, durante la cottura, la crespella non si secchi.

Oggi sulla tavola ci sono crespelle italiane (a questo link trovate altre ricette), farcite con un ripieno altrettanto italiano: crespelle al pesto con fagiolini e patate. Che poi se ci pensate, la Liguria e la Costa Azzurra sono una di fianco all’altra, quindi l’abbinamento è tutt’altro che un azzardo! 😉

Ingredienti per 2 persone:

Per le crespelle:

  • 125gr di farina 00
  • 250ml di latte intero
  • 1 uovo e mezzo
  • 1 pizzico di sale
  • burro q.b. per spennellare la padella

Per il ripieno:

  • una manciata di fagiolini lessi tagliati a pezzetti (circa 150gr)
  • 1-2 patate lesse tagliate a fettine sottili (circa 150gr)
  • mezzo vasetto di pesto (70gr) (qui la ricetta se volete farlo in casa, mentre se ve ne avanza potete preparare il rotolo di frittata al pesto oppure la parmigiana bianca di melanzane al pesto)
  • un pochino di latte (circa 15ml)
  • parmigiano grattugiato q.b.

Per completare:

  • burro a fiocchetti q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.

Preparazione:

Setacciare la farina in una ciotola, unire un pizzico di sale e il latte e mescolare con una frusta. Unire anche le uova precedentemente sbattute, mescolare energicamente con la frusta e poi lasciar riposare in frigo per 1 ora, coprendo con la pellicola trasparente.

Trascorso il tempo di riposo, riprendere la pastella e mescolarla con la frusta per farla rinvenire, poi cuocere le crespelle in una padella antiaderente calda un mestolino alla volta, spennellando ogni volta la padella con una piccola noce di burro. Cuocerle un minuto sul primo lato e, quando i bordi delle crespelle inizieranno a staccarsi, girarle e cuocere un altro minuto sull’altro lato. Impilarle su un piatto fino a finire la pastella. Ne verranno indicativamente 5.

Allungare il pesto con il latte, unire 1-2 cucchiai di parmigiano e mescolare bene. Spalmare il pesto su tutta la superficie di ciascuna crespella e, su metà di ciascuna crespella, adagiare fagiolini e patate lessi. Chiudere le crespelle piegando a metà e infine in quattro.

Disporre le crespelle in una pirofila sovrapponendole leggermente, completare con dei fiocchetti di burro e del parmigiano grattugiato e far gratinare in forno preriscaldato a 180° in modalità grill per circa 10 minuti, fino a che assumeranno un bel colore dorato.

crespelle al pesto con fagiolini e patate crespelle al pesto con fagiolini e patate crespelle al pesto con fagiolini e patate

Distribuire nei piatti e servire calde.

MEDIO • Preparazione: 15 minuti + 1 ora di riposo della pastella • Cottura: 10 minuti + il tempo per lessare fagiolini e patate • 720 cal/porzione, ma forse era meglio non saperlo

Stampa Stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *