Cialledda fredda

cialedda fredda Come rendere meno traumatica la fine di una vacanza? Portanto con sé qualche bel ricordo, ovvio, come ad esempio delle ceramiche pugliesi con la classica decorazione a fiorellini blu con il gallo e qualche ricetta tipica. In questo caso, rientrata dalla mia vacanza in Puglia, dopo essermi appositamente fermata ad Altamura a comprare il pane, ho preparato la cialledda fredda. Si tratta di un piatto povero della tradizione contadina, tipico della cucina pugliese e materana. Ricorda in buona sostanza la panzanella toscana, con la grande differenza del pane utilizzato. I condimenti poi variano di ricetta in ricetta, ma fondamentali, oltre al pane, sono il pomodoro e l’olio extra vergine d’oliva.

In origine la cialledda era conosciuta come la “colazione del mietitore” poiché pare venisse preparata dai contadini che dovevano affrontare una dura e faticosa giornata di lavoro nei campi di grano, sotto il sole cocente dell’estate di luglio.

Altre ricette con il pane di Altamura? Provate il mio pancotto con le cime di rapa.

Ingredienti:

  • 180gr di pane di Altamura o di Matera vecchio di 4/5 giorni in fette
  • 2 patate medie
  • 2 pomodori perini da insalata
  • 1 cetriolo carosello
  • mezza cipolla rossa
  • 60gr di rucola
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Lavare le patate, trasferirle in una capiente pentola di acqua fredda e lessarle con il coperchio per 35 minuti dal bollore, salando verso fine cottura. Scolarle, lasciarle raffreddare, poi pelarle e tagliarle a fette.

Pelare la cipolla, tagliarla a fettine sottili e lasciarla ammorbidire mettendola mezzoretta in ammollo in un bicchiere con metà acqua fredda e metà aceto di mele.

Spezzettare grossolanamente il pane, bagnarlo a pioggia con un po’ d’acqua spruzzata con le mani e lasciarlo riposare una decina di minuti in un capiente recipiente nel frattempo che si preparano gli altri ingredienti.

Lavare i pomodori e tagliarli a fette, poi pelare il cetriolo e tagliarlo a rondelle. Salare e pepare, poi unirli subito al pane in modo da inumidirlo ulteriormente e insaporirlo. Unire anche le patate, la cipolla scolata e la rucola spezzettata grossolanamente.

Condire con sale, pepe e olio evo, mescolare bene e lasciar riposare in frigo coprendo con la pellicola in modo che i sapori si amalgamino bene. Più riposa meglio è, quanto lo decidete voi in base al tempo che avete a disposizione. Ancora meglio se la preparate il giorno prima di consumarla.

Al momento di consumare la cialledda tirarla fuori dal frigo e farla rinvenire qualche minuto a temperatura ambiente, poi porzionarla in due fondine da portata (con la decorazione con il gallo, ça va sans dire).

FACILE • Preparazione: 15 minuti + il tempo di riposo • Cottura: 35 minuti • 480 cal/porzione

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *