Zucchine ripiene alla pizzaiola

Le zucchine ripiene alla pizzaiola sono un’idea semplice ma altrettanto gustosa per servire uno degli ortaggi più popolari della bella stagione. Pomodori, mozzarella, basilico e origano, sono pochi ingredienti che vanno a farcire queste zucchine, sprigionando tutto il sapore dell’estate.

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 zucchine medie
  • 2 pomodori
  • mozzarella (ca. 200gr)
  • basilico fresco
  • origano secco
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Lavare e spuntare le zucchine, poi tagliarle a metà per il lungo e svuotarle con l’aiuto di uno scavino. La polpa interna per questa ricetta non serve, si potrà riciclare per altre preparazioni, come ad esempio una vellutata di zucchine (in questa stagione una delle mie preferite è quella fredda di cetrioli e zucchine con menta fresca).

Cuocere al vapore le zucchine svuotate e salate internamente per 10-15 minuti oppure scottarle in acqua bollente salata per 5-10 minuti. Io ho una vaporiera elettrica che utilizzo tantissimo, soprattutto per cuocere le verdure, che rimangono così più croccanti e saporite, uno degli acquisti per la cucina più azzeccati!

Passare alla preparazione del ripieno: privare i pomodori del liquido interno e dei semini, tagliare a pezzetti, salare e lasciare scolare per bene. Tagliare anche la mozzarella a pezzetti e lasciare scolare anche questa, poi asciugarla con carta da cucina. In alternativa potete utilizzare una mozzarella asciutta, tipo quella per la pizza, come il nome della ricetta suggerisce. Riunire in una ciotola i pomodori e la mozzarella e aggiungere del basilico fresco spezzettato con le mani e una macinata di pepe.

Una volta che le zucchine saranno pronte scolarle e asciugarle con carta da cucina, poi disporle su una teglia ricoperta di carta da forno. Farcire con il ripieno, cospargere con abbondante origano secco e completare con un filo d’olio.

Infornare in forno ventilato preriscaldato a 200° per circa 10 minuti. Sfornare, eliminare eventuale acqua in eccesso e servire.

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *