Torta rinascita delle Dolomiti

torta rinascita delle dolomitiPer contribuire alla rinascita dei territori del bellunese, gravemente colpiti dal maltempo delle scorse settimane, il Maestro Pasticcere Iginio Massari, in collaborazione con “DDolomiti-Custodi del Territorio”, ha ideato una torta che possa essere preparata, con ingredienti prodotti dalle aziende locali, da parte del maggior numero possibile di persone.

L’obiettivo è quello di lanciare un messaggio di sostegno alla popolazione colpita, prima dall’incendio del 24 ottobre che ha distrutto intere porzioni di bosco e sottobosco in Agordino, poi dal maltempo del 29-30 ottobre, che ha ferito profondamente il territorio, portando la stima dei danni a oltre il miliardo di euro. L’attenzione di questa iniziativa è rivolta in particolare a tutti quei piccoli produttori del territorio che stanno affrontando grosse difficoltà per ricostruire e far ripartire le loro attività.

Nasce così la ricetta di questa torta, che tutti, appassionati e non, possono preparare nella propria cucina di casa utilizzando, laddove possibile, i prodotti delle aziende insediate nel bellunese: nocciole, miele, burro, yogurt, tutti prodotti simbolo di questo magnifico territorio.

Anche io, nel mio piccolo, ho voluto dare il mio contributo, preparando la torta con gli ingredienti reperiti in loco e diffondendo il più possibile la voce. Questi posti sono infatti a me molto cari, rappresentando il luogo dove il mio fidanzato è cresciuto e dove tutt’oggi vive la sua famiglia. Sono quindi stata a Belluno per il weekend dell’Immacolata e tra una sciata e l’altra ho trovato il tempo per girare per le piccole aziende locali a ricercare gli ingredienti di cui avevo bisogno. Parlando con i produttori mi hanno raccontato di quanto questa iniziativa abbia già prodotto i propri effetti, dimostrando una solidarietà senza eguali. Quindi non tutti i social vengono per nuocere e avanti così!

A questo link trovate la ricetta originale del Maestro (io ovviamente, che adoro modificare le ricette, ho dato il mio tocco creativo modificandola leggermente), mentre qui trovate un elenco non esaustivo di alcuni dei produttori da cui potete acquistare gli ingredienti per preparare la torta (oltre a tante altre cose buonissime).

Ingredienti per uno stampo da 22cm:

  • 155gr di burro morbido (cooperativa Agordino Latteria di Vallata di Agordo per me)
  • 80gr di zucchero semolato
  • 40gr di miele d’acacia (azienda agricola Mauro Remedi di Limana per me)
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100gr di yogurt bianco naturale (agriturismo Busa dei Sbrase di Taibon Agordino per me)
  • 2 uova medie intere (circa 100gr)
  • 200gr di farina di nocciole
  • 100gr di farina 00
  • mezza bustina di lievito per dolci

Per la superficie:

  • zucchero a velo q.b.
  • farina di nocciole q.b.

Preparazione:

Con le fruste elettriche montare il burro morbido a dadini (potete lasciarlo un’ora a temperatura ambiente) con lo zucchero, il miele e i semi di una bacca di vaniglia, fino ad ottenere un composto spumoso e leggero.

A questo punto unire anche lo yogurt e le uova a filo (precedentemente sbattute con una forchetta in un piatto).

A parte setacciare la farina e miscelarla con la farina di nocciole (se non la trovate potete semplicemente frullare con il mixer a intermittenza le nocciole intere pelate fino a ridurle in farina) e il lievito per dolci.

Quando il composto risulterà omogeneo, incorporare la miscela di farine con una spatola.

Versare l’impasto in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato e livellarlo.

Cuocere in forno statico a 180°C per circa 40 minuti. Fare la prova stecchino per verificare la cottura, poi sfornare e far raffreddare completamente prima di sformarla. 

Ultimare con una spolverata di zucchero a velo miscelato a poca farina di nocciole.

FACILE • Preparazione: 15 minuti • Cottura: 40 minuti • 295 cal/porzione (suddividendo la torta in 12 fettine)

Alla ricerca di altre ricette bellunesi? Mai provato i fagioli di Lamon o la focaccia dolce bellunese?

Stampa Stampa


2 thoughts on “Torta rinascita delle Dolomiti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *