Sgombro alla cacciatora con olive capperi e patate

I sapori ricordano quelli del classico pollo o coniglio alla cacciatora ligure, per la presenza di olive taggiasche e patate, ingredienti tipici di quei luoghi. In questa versione, la cacciatora è reinterpretata in chiave marina, con l’utilizzo dello sgombro al posto della carne, pesce azzurro, noto anche come maccarello o lacerto.

Appartenente alla categoria dei pesci grassi, non per questo va discriminato, essendo una preziosa fonte di grassi buoni omega 3, oltre ad essere ricco di numerose proteine, vitamine e minerali, come fosforo, magnesio, calcio e vitamina D.

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 sgombri medi già eviscerati e sfilettati, con la pelle (circa 270gr di filetti)
  • 2 patate medio-piccole
  • 1 cucchiaio di capperi
  • una decina di olive taggiasche (o Kalamata)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 foglie di alloro
  • mezzo bicchiere di vino bianco (facoltativo)
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Dissalare i capperi sciacquandoli sotto acqua corrente e lasciandoli una mezzoretta a bagno.

Pelare le patate, tagliarle a grossi spicchi e lessarle in acqua bollente salata per circa 15 minuti.

In una padella rosolare l’aglio con un filo d’olio, le olive e i capperi, poi unire i filetti di sgombro e dorare da entrambi i lati, partendo da quello senza la pelle. Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco (o acqua calda), incoperchiare e proseguire la cottura per 5 minuti. Regolare di sale e pepe, poi unire le patate e lasciarle insaporire un paio di minuti.

Servire irrorando con il sugo di cottura.

FACILE • Preparazione: 5 minuti (+ 30 minuti di ammollo dei capperi) • Cottura: 15 minuti per le patate + 10 minuti per il pesce • 420 cal/porzione

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *