Sarde a beccafico

Le sarde a beccafico sono un piatto tipico della gastronomia siciliana. La ricetta consiste nel preparare le sarde al forno farcite con un composto di pangrattato, aglio, prezzemolo, uva sultanina e pinoli. Il nome del piatto deriva dai beccafichi, dei volatili. In passato i nobili siciliani li consumavano, dopo averli cacciati, farciti delle loro stesse viscere e interiora. Il piatto era gustoso ma inavvicinabile al popolo in quanto bene di lusso. I popolani siciliani ripiegarono quindi sulle materie prime che potevano permettersi, ovvero le sarde. Per imitare il ripieno d’interiora si pensò di utilizzare la mollica di pane, i pinoli e poco altro.

Le sarde fanno parte della grande famiglia del pesce azzurro, categoria di pesci caratterizzati dal dorso di colore blu e il ventre argenteo. Tali pesci abbondano nei mari italiani e questo li rende più economici di altri: la sarda in particolare è conosciuta da sempre come il “pesce povero” (tra i 6 e 7 € per 1 kg di sarde in centro a Milano, compresa la pulizia!). Le sarde hanno un apporto energetico medio (129 calorie per 100gr di parte edibile) e non fanno parte della categoria dei pesci magri, tuttavia i loro grassi sono tutti di buona qualità: acidi grassi Omega-3, che riducono i livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo nel sangue.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1kg di sarde fresche
  • 150gr di pangrattato
  • 50gr di uvetta
  • 50gr di pinoli pelati
  • 20gr di zucchero
  • 1 limone
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati
  • una decina di foglie di alloro
  • un ciuffo di prezzemolo
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Chiedete al vostro gentilissimo pescivendolo di pulirvi le sarde e aprirle a libro. Una volta pulite però, tenete presente che vanno preparate subito, perché deperiscono velocemente.

In una padella scaldare un filo d’olio con gli spicchi d’aglio, poi unire il pangrattato e tostarlo finché non risulterà ben colorito. Togliere dal fuoco, eliminare l’aglio e unire l’uvetta, ammollata e strizzata, i pinoli e il prezzemolo tritato. Salare, pepare e mescolare bene.

Farcire le sarde con il composto ottenuto, richiuderle e disporle in una pirofila unta d’olio l’una accanto all’altra.

Spremere il limone, filtrarne il succo e mescolarlo con lo zucchero.

Cospargere le sarde con il pangrattato avanzato, coprire con il succo di limone zuccherato e completare con un filo d’olio e le foglie di alloro.

Infornare in forno statico preriscaldato a 180° per 30 minuti. Servire calde.

FACILE • Preparazione: 15 minuti • Cottura: 30 minuti • 535 cal/porzione

Stampa Stampa


1 thought on “Sarde a beccafico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *