Risotto con verza gorgonzola e noci

Cosa c’è di meglio di un bel risotto vegetariano, caldo e gustoso, per riscaldare le fredde giornate invernali? Se poi è un risotto con verza gorgonzola e noci, preparato con quel gorgonzola che ti hanno appena regalato come gadget di una garetta di corsa da 20km, è ancora più buono! E senti proprio di essertelo meritato!

Per chi non lo sapesse sì, è usanza nelle corse non competitive organizzate nella campagna milanese, offrire pacchi gara gastronomici contenenti le più svariate pietanze (riso, gorgonzola,…), oltre a ricchi ristori post gara che sostanzialmente ti consentono di reintegrare tutte le calorie perse. E pure di più. 😉 Sono le mie preferite!

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 cucchiai di riso a testa
  • 1 scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 1 dado vegetale
  • 4/5 foglie di verza grandi
  • una bella manciata di noci sgusciate
  • 100-150gr di gorgonzola
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

In un pentolino capiente preparare un brodo vegetale con 1 dado e poco meno di un litro d’acqua. Una volta che il brodo raggiunge il bollore, sbollentarci per 1-2 minuti le foglie di verza intere, poi prelevarle conservando il brodo, farle asciugare su un tagliere e tagliarle a listarelle.

In un tegame, meglio se di rame o di acciaio, far appassire lo scalogno tritato finemente con un filo d’olio a fuoco basso.

Aggiungere il riso, farlo tostare per qualche minuto, quindi sfumare con il vino bianco. Una volta evaporato il vino, proseguire la cottura aggiungendo il brodo (precedentemente utilizzato per sbollentare le foglie di verza), un mestolino alla volta, fino a finirlo (ci vorranno circa una ventina di minuti).

Gli ultimi 5 minuti di cottura unire al risotto la verza e le noci spezzettate grossolamente con il coltello.

Nella parte finale della preparazione aggiustare eventualmente di sale e mescolare spesso ed energicamente, in modo da favorire la cremosità del risotto.

A fuoco spento mantecare con il gorgonzola a cubetti. Far riposare qualche minuto, poi distribuire nei piatti e terminare con una macinata di pepe.

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *