Risotto con broccolo romanesco e salsiccia

Le cose che rendono speciale questo piatto sono l’utilizzo della birra per sfumare il risotto e la mantecatura con il Piave, formaggio DOP tipico veneto prodotto nelle Dolomiti Bellunesi, zona a me molto cara. Mi piace molto perché, amando la natura e la montagna, ogni volta che ci vado ne approfitto per fare delle belle passeggiate o per sciare. E per andare a mangiare il buonissimo risotto al Piave da Ciliotta, una piccola trattoria a Limana, in provincia di Belluno. Se capitate da quelle parti andateci, perché merita davvero. Ciò detto, se non trovate il Piave, potete comodamente sostituirlo con dell’Asiago o del Montasio stagionati o con del parmigiano, non mi offendo prometto.

Se vi è piaciuto potete provare anche il mio risotto cacio e pepe al broccolo romanesco, con questo farete contenti anche gli amici vegetariani.

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 cucchiai di riso a testa
  • 1 scalogno
  • mezzo bicchiere di birra
  • brodo vegetale (poco meno di un litro d’acqua con 1 dado)
  • 150gr di salsiccia
  • 100gr di broccolo romanesco in cimette
  • formaggio Piave DOP stagionato
  • 1 noce di burro
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Sbollentare le cimette di broccolo in acqua bollente salata per circa 7 minuti, poi scolarle.

In padella far appassire lo scalogno tritato finemente con un filo d’olio a fuoco basso.

Unire la salsiccia, spellata e sgranata, e farla sbianchire. Aggiungere anche il riso, farlo tostare per qualche minuto, quindi sfumare con la birra. Una volta evaporata la birra, proseguire la cottura aggiungendo il brodo un mestolino alla volta, fino a finirlo (ci vorranno una ventina di minuti).

Un paio di minuti prima del termine di cottura, unire le cimette di broccolo e aggiustare eventualmente di sale. Nella parte finale della preparazione mescolare spesso ed energicamente, in modo da favorire la cremosità del risotto.

A cottura ultimata spegnere il fuoco e mantecare con il burro ben freddo e il formaggio Piave grattugiato. Far riposare qualche minuto, poi distribuire nei piatti e terminare con una macinata di pepe.

Stampa Stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *