Risotto cacio e pepe al broccolo romanesco

A volte la natura ci regala delle forme e dei colori davvero affascinanti. Il broccolo romanesco, ad esempio, colpisce per il suo colore verde brillante e la sua geometria piramidale perfetta. Conosciuto in tutta la campagna romana da tempo remoto, istintivo è l’abbinamento con il pecorino, per delle cacio e pepe inusuali, sia sotto forma di risotto che sotto forma di un piatto di pasta. In primavera vedo bene la sostituzione del broccolo romanesco con delle favette fresche. In ogni caso è il verde brillante a farla da padrone.

Mi raccomando, abbondate con il pepe, altrimenti che cacio e pepe sarebbe?

Vi è avanzato del broccolo romanesco? Potete provare anche il risotto con broccolo romanesco e salsiccia.

Ingredienti per 2 persone:

  • 4 cucchiai di riso a testa
  • 1 scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 1 dado vegetale
  • 150gr di broccolo romanesco in cimette
  • pecorino romano q.b.
  • pepe nero in grani
  • olio evo, sale

Preparazione:

In un pentolino capiente preparare un brodo vegetale con 1 dado e poco meno di un litro d’acqua. Una volta che il brodo raggiunge il bollore, sbollentarci per una decina di minuti il broccolo romanesco ridotto in piccole cimette, poi prelevarle con una schiumarola e tenerle da parte.

In un tegame, meglio se di rame o di acciaio, far appassire lo scalogno tritato finemente con un filo d’olio a fuoco basso.

Aggiungere il riso, farlo tostare per qualche minuto, quindi sfumare con il vino bianco. Una volta evaporato il vino, proseguire la cottura aggiungendo il brodo (precedentemente utilizzato per sbollentare le cimette di broccolo), un mestolino alla volta, fino a finirlo (ci vorranno circa una ventina di minuti).

Gli ultimi 2 minuti di cottura unire al risotto le cimette di broccolo tenute da parte.

Nella parte finale della preparazione aggiustare eventualmente di sale e mescolare spesso ed energicamente, in modo da favorire la cremosità del risotto.

A fuoco spento mantecare con abbondante pecorino romano grattugiato e spolverare con abbondante pepe nero macinato al momento. Far riposare qualche minuto, poi distribuire nei piatti, terminare con un’ulteriore macinata di pepe e servire.

Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *