Orzotto alla zucca con spinaci

orzotto alla zucca con spinaciOrzotto alla zucca con spinaci, ovvero ricetta banale con impiattamento scenografico. Come si dice, minima spesa, massima resa? Se poi questo delizioso primo piatto vegano è pure leggero, ma capace allo stesso tempo di appagare vista e palato, allora avete fatto bingo!

Vi piace l’abbinamento zucca e spinaci? Allora vi può interessare anche la mia polenta agli spinaci con zucca in agrodolce! Buon appetito!

Ingredienti per 2 persone:

  • 120gr di orzo perlato (ma va bene anche riso o farro)
  • 260gr di polpa di zucca
  • 150gr di spinaci freschi puliti
  • 1 rametto di rosmarino
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Pulire la zucca eliminando buccia, semi e filamenti e tagliare la polpa a cubotti grossolani.

Portare a bollore abbondante acqua in un pentolino capiente, salare e cuocervi la zucca per 10-15 minuti, poi prelevarla con una schiumarola e trasferirla nel bicchiere del mixer a immersione, conservando l’acqua di cottura. Frullare la zucca con il mixer fino a ridurre in crema, aggiungendo un filo d’olio evo e, se necessario, un goccio della sua acqua, poi tenere da parte.

Cuocere l’orzo per circa 30 minuti (o diverso tempo indicato sulla confezione) nella stessa acqua di cottura della zucca. Una volta pronto, scolarlo e mescolarlo con la crema di zucca.

Nel frattempo pulire gli spinaci eliminando le estremità che tengono insieme i ciuffi, poi lavarli sotto acqua corrente fredda e strizzarli. Scaldare un filo d’olio in una padella con uno spicchio d’aglio, quindi unire gli spinaci ancora umidi e cuocerli qualche minuto fino a che saranno appassiti, salando leggermente a fine cottura. Eliminare poi l’aglio e sminuzzarli leggermente con il coltello.

Comporre i piatti con l’aiuto di un coppapasta del diametro di 8-10cm, disponendo prima gli spinaci e poi l’orzotto alla zucca. Completare con un ciuffetto di rosmarino, un filo d’olio a crudo e una macinata di pepe nero.

FACILE • Preparazione: 15 minuti • Cottura: 45 minuti • 345 cal/porzione

Stampa Stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *