Minestrone di zucca con borlotti

La zucca rientra ufficialmente nella lista dei miei ortaggi preferiti. Da sempre. Ricordo, da piccolina, un pranzo della domenica in famiglia in cui mia mamma aveva preparato una buonissima minestra di riso e zucca. L’aveva messa nei piatti per tutti e anche al fortunato cane di mia zia, Asdrubale, era spettata una porzione nella sua ciotola. Ai tempi non ci si faceva ancora troppi problemi e i cani mangiavano la stessa cosa dei loro padroni, invece che essere viziati da croccantini e scatolette specifici per loro. Bene, alla tenera età di circa 10 anni, dopo aver finito il mio piatto, pretendevo di mangiare anche quello del cane. Non me l’hanno consentito, chissà perché.

Ingredienti per 2 persone:

  • 400gr di zucca mantovana pulita
  • 85gr di borlotti secchi (o ca. 200gr già cotti)
  • 60gr di ditalini rigati
  • mezza cipolla dorata
  • mezza carota
  • mezza costa di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio
  • brodo vegetale q.b.
  • parmigiano grattugiato (facoltativo)
  • olio evo, sale, pepe

Preparazione:

Mettere i fagioli in ammollo per 8-10 ore, poi scolarli e risciacquarli bene sotto l’acqua corrente. Trasferirli in una pentola e ricoprirli di acqua fredda, portare a bollore e cuocere per 1 ora e mezza circa a fuoco basso con il coperchio, salando verso fine cottura. Si possono preparare anche il giorno prima, avendo cura di conservarli in frigo nella loro acqua di cottura.

Tagliare la zucca a dadini, salare leggermente e cuocere al vapore per 20 minuti (oppure lessare in acqua bollente leggermente salata per una decina di minuti).

Fare un soffritto con sedano, carota e cipolla finemente tritati, un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e il rosmarino tritato. Unire la zucca cotta e i fagioli ben scolati, poi coprire con del brodo e cuocere a fuoco dolce per circa 15 minuti.

Unire i ditalini e portare a cottura, aggiungendo qualche altro mestolo di brodo se necessario.

Aggiustare se necessario di sale e pepare, poi servire aggiungendo del parmigiano grattugiato se lo si desidera.

Stampa Stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *