Il perfetto uovo in camicia

Il fatto che preparare il perfetto uovo in camicia sia un’impresa impossibile è solo una leggenda metropolitana. Qui trovate la ricetta che vi svelerà passo per passo tutti i trucchi per farlo venire della giusta consistenza! Provare per credere! In questa preparazione l’ho accompagnato ad un’insalata tipicamente invernale a base di finocchi, arance pelate a vivo, uvetta e pinoli, ma sbizzarrite pure la vostra fantasia!

Ingredienti:

  • uova fredde di frigorifero
  • 1 cucchiaio abbondante di aceto di vino bianco
  • 1 pugnetto di sale grosso

Occorrente:

  • pentolino capiente
  • cucchiaio
  • schiumarola
  • timer

Preparazione:

In un pentolino capiente portare l’acqua a bollore, poi unire un pugnetto di sale grosso, un cucchiaio abbondante di aceto di vino bianco e abbassare leggermente la fiamma. L’acqua dovrà solo sobbollire.

A questo punto procedere con la preparazione di un uovo alla volta, da aprire prima in un piatto facendo attenzione a non rompere il tuorlo. Creare un vortice con il cucchiaio nel pentolino, poi versarci dentro l’uovo e lasciare per 3 minuti di orologio, senza più toccare l’acqua con il cucchiaio. Non un minuto di più, non un minuto di meno. Prelevare l’uovo, che nel frattempo si sarà rappreso, con una schiumarola.

Procedere con la preparazione delle altre uova secondo il medesimo procedimento, avendo cura, tra la preparazione di un uovo e l’altro, di alzare qualche secondo la fiamma per far rialzare la temperatura dell’acqua.

Suggerimenti:

  • utilizzare uova fredde di frigorifero e prima di versarle nel vortice aprirle in un piatto
  • l’acqua deve solo sobbollire e non bollire violentemente
  • l’aceto è fondamentale per la buona riuscita della ricetta, perchè aiuta l’uovo a rapprendersi, quindi non omettetelo pensando che non sia importante
  • creare il vortice con il cucchiaio, versarci velocemente l’uovo dentro e poi non toccare più fino a che non sono passati i 3 minuti
  • il pentolino più adatto è quello grande, quello dove si può cuocere la pasta corta ma non gli spaghetti, per intenderci
Stampa Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *